Un pensiero su “Gente come noi già in mezzo a noi

  1. …attraverso queste interviste rivolte ai corsisti della scuola di lingua italiana per cittadini stranieri veniamo a conoscere la grande utilità che essa ha rivestito per chi è giunto in italia per lavoro o per ricongiungimento familiare…un’utilità che avrà avuto un rimando positivo sull’intera comunità degli abitanti di Cologno Monzese: perché capirsi è tutto. Ora sono loro a ricevere insegnamento, ma possono essere anche loro a trasmetterlo (cultura, saperi…) nella nostra, come nella loro lingua. Buttar via un patrimonio così è, come minimo, poco avveduto. Vuol dire non pensare a lungo termine. Ma è anche per motivi pratici e organizzativi legati al presente quando si convive…Un esempio è stato portato da un partecipante alla serata di solidarietà: ha mostrato il volantino lasciato dall’amministrazione comunale alle famiglie con le spiegazioni relative alla raccolta differenziata, scritto in quattro lingue – italiano, inglese spagnolo arabo-, quindi una difficoltà a comunicare nella stessa lingua che il comune non ignora, ma vorrebbe perpetuare se insiste a voler chiudere la scuola per l’insegnamento della lingua italiana (così bella! dice N. Ferretti)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *