Poesie scelte

di Mario Mastrangelo

In tutte le sue raccolte di poesie e anche nell’ultima, intitolata ” Ra rà” (Da dare), Mario Mastrangelo conferma l’idea che della sua ricerca m’ero fatto fin dall’inizio della nostra conoscenza (2004).  C’è una continuità intatta nel suo lavoro poetico e uno stile umano nel proporsi ai lettori, che vedo fondati  sulla solitudine, la concretezza, la pacatezza e la dolcezza. Di fronte  alla confusione e al caos di questo presente, che riportano alla mente fantasmi truci del passato, cosa pensare del candore di sentimenti,  di certi toni da fiaba o da teatrino malinconico da Sud profondo, dei suoi spasmi di fronte alle ombre della malattia, della vecchiaia e del pensiero di morte, che assalgono e lavorano tutti ma in questa fase della sua vita sono in lui tanto più feroci e diretti? Nel preparare questa scelta di testi per Poliscritture da un file inviatomi da Mario, mi sono ritrovato più  disarmato rispetto agli inizi dei nostri scambi di mail, quando ancora me la sentivo d’insistere e di richiamarlo alla storia, alla politica, ai dibattiti culturali, nei quali lo invitavo ad immergersi. Con me o almeno affiancandosi a quel *noi* di Poliscritture in precaria sopravvivenza. Pur annaspando e sapendo quanto fosse indimostrabile quel *noi* per l’assenza o la debolezza di un’eco sociale ai nostri scritti, presumevo ancora di poter raggiungere una fraterna e comune combattività nei confronti del mondo caotico ed ostile. Oggi non più. E ritengo che Mario abbia fatto bene a continuare per una sua strada. Come io sulla mia. La sua capacità di sentire  la collettività umana senza farsi dominare dall’angoscia (Si me rate ‘o permesso), il muoversi con garbo in un immaginario popolare cattolico,  la mescolanza di eros carnale e di agape, la fiducia tenace nella dolcezza della vita sono gli insegnamenti di una sua raggiunta saggezza da rispettare e ammirare non solo da quanti si riconoscono pienamente in quei suoi valori ma anche da me che ne inseguivo altri . [E. A.]

 



Si me rate 'o permesso
 
 
Si me rate 'o permesso, me ne vaco,
mentre vuje
restate n'atu ppoco a ve fà cumpagnia,
io, scusateme ancora,
è meglio ca m'avvio.
 
A dà nu vaso ‘nfaccia a tutte quante,
come state assettate, nun ce arrivo,
atu tiempo nun ve ne faccio perde,
ve manno nu saluto collettivo.

Ra poco aggio saputo ca me tocca
'e fà nu tratto luongo
luongo 'e na via stramano,
piglio curaggio e 'o faccio,
si proprio me vulite rà na mano,
cuntinuate a parlà, a parlà fra vuje,
facìteme arrivà, mentre cammino,
'e vvoce voste chiare
ca fra loro se 'ntrecciano cuntente,
io m'alluntano, 'e ssento,
       e pure si nun ponno rischiarà
'a via ca tengo annanze, scura e muta,
me fanno veré meglio
chella ca già aggio fatto,
e me fanno capisce a che è servuta.
 
Se mi date il permesso
 
Se mi date il permesso, me ne vado,
mentre voi
restate un altro poco a farvi compagnia,
io, scusatemi ancora,
è meglio che mi avvio.
 
A dare un bacio In faccia a tutti quanti,
come state seduti, non ci arrivo,
altro tempo non ve ne faccio perdere,
vi mando un saluto collettivo.
 
Da poco ho saputo che mi tocca
di fare un tratto lungo
lungo di una via impervia,
prendo coraggio e lo faccio,
si proprio mi volete dare una mano,
continuate a parlare, a parlare fra voi,
fatemi  arrivare, mentre cammino,
le voci vostre  chiare
che fra loro si intrecciano contente
allontano, le sento ,
io mi allontano, le sento,
e pure se non possono rischiarare
la via che tengo avanti, scura e muta,
mi fanno veder meglio
 
*

Angel’ ’e ccà  
 
Si ce pienze stu munno ato nun’è
ca nu cielo stutato
mmiez’a nu spazio ‘nfarenato ‘e stelle,   
luntano ‘a l’ati ciele
‘e luce e vole r’angele affullate.
 
Nu munno addó r’ ’a  gioia
se so’ perdute  già ra tiempo ‘e ttracce
e se campa pazzianno
c’ ‘o rulore c’‘a vita  porta mbraccio.
 
Eppure nuje, àngele ‘e ccà, venimmo
ra chille ‘e coppa a  ‘o cielo, ‘mmerïate,
pure si nun vulammo e ‘a faccia ‘e Dio
‘a putimmo veré sulo pittata.
 
‘Mmeriate pe’ na cosa
sacra ca nuie facimmo mentre  loro
nun rijèsceno a ffà:
‘a fusione ‘e ruje cuorpe, uno ‘int’al’ato,                        
palpitanno r ’immenso,                                                   
cercanno eternità.
 
Angeli di qua
 
Se tu ci pensi, il mondo altro non è
che un cielo spento, in uno
spazio da tante stelle infarinato,
lontano da altri cieli
di  luce e voli d’angeli affollati.
 
Un mondo dove della gioia piena
già da tempo si son perse le tracce
e si vive giocando col dolore
che la vita ci porta tra le braccia.
Eppure noi, angeli di qua,
siam da quelli celesti invidïati,
anche se non voliamo
ed il volto di Dio
lo possiamo veder solo affrescato.
 
Invidiati per una cosa sacra
che noi facciamo e loro
non rïescono a fare
l’unione di due corpi, uno nell’altro,
 palpitando d’immenso,
 cercando eternità.
 
 *
   
‘A trebbiatrice
 
Pregammo ca ra ‘e spighe noste càvere
se mantene luntana ‘a trebbiatrice.
Ce stanno juorne e  vase ca ce aspettano
e so’ tante ‘e pparole 
ancora belle ra sentì e da rice.
 
La trebbiatrice
 
Preghiamo:  dalle spighe nostre calde
lontana se ne stia la trebbiatrice.
Ci sono giorni e baci che ci aspettano
e tante le parole
ancora belle da sentire e dire.
 
 *
   
E chillu niente
 
Difronte a ‘e ccose r’ ’o munno
( nu munno ca ra ‘e stesse cose soje
c’’o tiempo vene sempe cchiù distrutto)
nun tenimmo ‘o curaggio ‘e rice niente,
e chillu niente fa capisce tutto.
 
 
E quel niente
 
Di fronte alle cose del mondo
( un mondo che dalle sue stesse cose
col tempo viene sempre più distrutto)
non abbiamo il coraggio di dir niente,
ed è quel niente a far capire tutto.
 
*

Ra  rà
 
Erano sulo fàvole busciarde
’e cunte ca ricéveno
ca ‘a vita nosta eratutta  n’attesa
’e caricarse ‘e bbracce
cu ’e ggemme ’e l’universo,
ca era nu cercà cuntinuamente
r’afferrà viente’e gioia,
quanno guliosa l’ànema  r’ognuno 
vuleva  avé ‘e ppazzielle ‘e chistu munno.
 
Invece l’esistenza
era tuttara rà,
a chi éssa puteva èsse r’aiuto
a chi r’éssa puteva avé besuogno.
E nuje a corre, a corre
senza truvà maje pace,
sultanto ’e  stenne ’e mmane pe’ piglià
simmo state capace.
Accussì era ’a vita,
tutta quanta ra rà,
chesta, fra tanta dubbie,
l’ùneca verità.
 
Da dare
 
Erano solo favole bugiarde,
le storie che dicevano
che l’esistenza era tutta un’attesa 
di riempirsi le braccia
di  gemme d’universo,
un continuocercare di afferrare
i venti della gioia,
quando smaniosa l’anima voleva
per sé tutti  i giocattoli del mondo.
Invece l’esistenza
era tutta da dare,
a chi essa poteva esser d’aiuto,
a chi d’essa poteva aver bisogno.
E noi a correre,correre
senza trovar mai pace
solo per stendere le mani per prendere
siamo stati capaci.
Era così la vita,
tutta quanta da dare,
questa, tra tanti dubbi,
l’unica verità.
 
 *
 
E solo c’era
 
Svaniva poi la tua bocca di frutto,
si scioglieva il tuo corpo e solo c’era
freschezza e fioritura dappertutto:
anche tu diventavi primavera.
 
*

Sia bacio di poesia   
 
Abbiano le parole
radici nel profondo e ali nel vento,
siano specchio di scavi coraggiosi
e di ascese del cuore,
vengano dalla terra e dalla carne
così come dall’anima e dal cielo.
 
E ciascuna possieda
l’energia per il volo solitario,
ma sia pronta per diventare stormo
che migri raccontando
la bellezza del dire,
fra labbra  di silenzio
e labbra d’armonia
e per tutti sia bacio di poesia.
 
 *

Jammo, ca ‘o tiempo ch’è rimasto è poco
 
Jammo, ca ‘o tiempo ch’è rimasto è poco,
l’uva r’ ‘e juorne è stata già spremuta,
l’urdema luce ancora spasa ncielo
fa segno a ‘o viento ca l’ombre se chiama
e ‘i pporta lentamente ncopp’ê ccase
cu ‘e ttracce ‘e l’ore ca songo passate
senza purtà n’appicciamiento ‘e gioia.
 
Ma contr’ ‘a notte ca sulenne vene
resta a cumbatte sulo na speranza,
c’aspetta a mmane aperte atu chiarore
e a ‘mmaggenà dulcezze ancora jóca.
 
Jammo, ca ‘o tiempo ch’è rimasto è poco.
 
   
Andiamo, il tempo ch’è rimasto è poco 
 
Andiamo, il tempo ch’è rimasto è poco,
l’uva dei giorni è stata già spremuta,
l’ultima luce ancora stesa in cielo
fa segno al vento che l’ombre a sé chiama
e piano se le porta sulle case
con le tracce dell’ore ormai trascorse
senza portare accensione di gioia.
 
Ma contro il buio che solenne viene
resta a lottare solo una speranza,
che a mani aperte aspetta altro chiarore
e a immaginar dolcezze ancora gioca.
 
Andiamo, il tempo ch’è rimasto è poco.
 
 *
   
Prima ca s’alluntana 
 
 
‘O tiempo ch’è passato già me fa
veré ‘e n’ata manera sta realtà.
Me songo aizato a volo ncopp’â vita
e ‘a guardo come ‘a rint’a n’arioplano?
O ‘e mmane sempe cchiù ce affonno mmiezo,
pe’ l’afferrà prima ca s’alluntana?
 
 
Prima che si allontani
 
 
Il tempo che è passato già mi fa
vedere in altro modo la realtà.
Mi sono alzato a volo sulla vita
e la guardo come da un aeroplano?
O affondo sempre più le mani in mezzo,
per afferrarla prima
che da me si allontani?

*
 
E già l’autunno  
 
E già l’autunno ce offre stu scenario
ùmmeto e griggio, rischiarato a stiento:
appriesso a ‘a lepre ‘e na mappata ‘e foglie
correno tutte ‘e levriere d’ ‘o viento.
 
 
 
E già l’autunno  
 
E già l’autunno ci offre uno scenario
umido e grigio, rischiarato a stento:
dietro alla lepre d’un mucchio di foglie
corrono tutti i levrieri del vento.
 
*

‘O stà ccà   
 
È tanno ca ‘o stà ccà piglia nu senzo
e ce cummoglia ‘e gioia, è quanno a l’ate
se va cu ‘a mano stesa a dà calore,
sott’ ô mantiello largo r’ ‘o perdono,
rint’a n’at’ànema a piantà nu sciore.
 
Pecché ‘a forza c’aiuta e dà cunforto
è ‘a sola ca scunfigge pure ‘a morte
e dà luce e valore a n’esistenza.
È  tanno ca ‘o stà ccà piglia nu senzo.
 
   
Lo stare qua 
 
È allora che lo stare qua 
prende tutto il suo senso
e ci copre di gioia, è quando agli altri
si va con  mano stesa a dar calore,
sotto il mantello largo del perdono,
in un’altr’anima a piantare un fiore.
 
Ché la forza che aiuta e dà conforto
è la sola che annienta anche la morte
e dà luce e valore a un’esistenza.
è allora che lo stare qua 
prende tutto il suo senso.

*

Come a nu vestito
 
Mentre ca  nterra cumbatimmo ‘a vita,
mentre  ca ‘o tiempo  cammina e ce struje,
‘o cielo aspetta, come a nu vestito
azzurro ca gia tène ‘a forma ‘e nuje.
   
Come un vestito  
 
Mentre che in terra combattiam la vita,
mentre che il tempo cammina e ci strugge,
il cielo aspetta, simile a un vestito
azzurro che la forma ha già di noi.
 
*
 
Songo stat’io
 
No, nun ce ‘a faccio cchiù a purtà stu peso,
songo stat’io, chiagnenno v’ ‘o ccunfesso,
proprio cu ‘e mmane  mèje aggio acciso a chillo
ca rint’a chesta vita io vulev’èsse.
 
   
Sono stato io
 
No, non sopporto più di portare questo  peso,
sono stato io, piangendo lo confesso,
proprio con le mie mani ho ucciso quello
che dentro questa vita volevo essere.
 
*

Che ne sapimmo nuje r’ ‘a sulitudine
 
Che ne sapimmo nuje r’ ‘a sulitudine
cumpleta e nera, ‘e silenzio, ‘e  mancanza,
fredda e vacante, dunque,
addó se sta affunnate e nce se passa
‘a vita a esse nisciuno pe’ chiunque?
 
 
Che ne sappiamo della solitudine
 
Che ne sappiamo della solitudine
completa e nera, di silenzio e assenza,
gelida e vuota dunque,
dove si sta affondati e vi si passa
la vita a esser nessuno per chiunque?
 
 *

Autunno, viene a nnuje
 
Autunno, viene a nnuje, puórtece ‘o ggriggio
r’ ‘o vestito ca tiene, arapre ‘e mmane
e sémmena cuntento
p’ ‘e ddistese r’ ‘o munno ‘e ffoglie morte,
sti llettere ‘e tristezza
ca ogni albero abbeluto manna a ‘o cielo
senza aspettà risposta. A ‘e storie noste
arriva ncoppa e dalle voce ‘e viento.
Cummuógliece cu ‘e scrosce
‘e sta pioggia schiattosa
ca sulo tu saje fà caré p’ ‘e vvie,
rigne cu l’acqua fredda
surche, pantane e fuosse,
fa’ trïunfà ‘a chianezza e ‘a sunnulenza
ca  fanno stà pacate e appagliarute
a guardà fore ‘a reto ‘e llastre ‘mbósse.
 
Accumpàgnece a ‘e liette
silenziuse e llà facce
sentì r’ ‘a pecundria stritto l’abbraccio.
 
 
 Autunno, vieni a noi 
 
Autunno, vieni a noi, portaci il grigio
del vestito che indossi, apri le mani
e semina contento
per le strade del mondo foglie morte,
lettere di tristezza
che ogni albero avvilito manda al cielo
senza aspettare nessuna  risposta.
 Alle storie nostre
arriva sopra e dà
loro voce di vento.
còprici con gli scrosci
di questa pioggia davvero stizzita,
che tu sai far cadere nelle strade,
riempi con l’acqua fredda
solchi, pantani e fossi,
fai trionfare lentezza e sonnolenza
che ci fanno restare intorpiditi
dietro i vetri bagnati a guardar fuori
 
Portaci dentro letti
silenziosi e là facci
della mestizia sentire l’abbraccio.
 
*
 
«Rire, Pagliaccio!»
 
So’ malato, ma voglio ‘o stesso
purtà nu surriso nfaccia
come si niente tenesse,
quase nu «Rire, Pagliaccio!».
 
E pagliaccio sto addeventanno,
‘e ligname nu burrattino
ca sente ch’ ‘e ggeste se sfanno
ca ‘ntróppeca mentre cammina.
 
 «Ridi, Pagliaccio!»  
 
Sono malato, ma vorrei lo stesso
portare un sorriso in faccia
come se niente avessi,
quasi un «Ridi, Pagliaccio!».
 
E pagliaccio sto diventando,
di legno un burattino
che sente che i gesti si sfanno,
che inciampa mentre cammina.

*
 
Tu ‘a fine pènzala accussì
 
 
R’ ‘a fine se sa sulo ca sta llà
e ogni cavaliere ce galoppa,
e cchiù s’accosta, cchiù forte s’angoscia
a ‘maggenà chello ca ce sta roppo.
 
Si vuó, tu ‘a fine pènzala accussì,
com’ ô punto ‘e sta via ca faje, addó truove
‘o cumpagno ca vene a tte rerènno
e te ‘mmita a pazzià a nu juoco nuovo.
 
 
La fine pensala così 
 
 
Della fine si sa solo che è là
ed ogni cavaliere vi galoppa,
e più s’accosta, più forte s’angoscia
a immaginare quello che c’è dopo.
 
Se vuoi, la fine pensala così,
come il punto di questa via, ove trovi
il compagno che viene a te ridendo
e ti invita a giocare a un gioco nuovo.
 

*

Na vranca
   
Penzava a ‘o cammino, 
r’‘e passe suoje stanche
e a ‘e juorne felice,
appena na vranca.
 
 Una manciata
 
Pensava al cammino  
dei passi suoi stanchi
e ai giorni felici,
appena una manciata. 

*
 
Nu prestiggiatore 
 
 
So’ venute pesante pesante
‘e zuoccole r’ ‘e cavalle,
‘e cciampe ‘e l’elefante,
e sulo poche vote se so’ viste
–  che miracolo ‘e leggerezza! –
‘e vole r’ ‘e trapezziste.
 
Sott’ ô tendone aizàto r’ ‘o munno
pure ‘e pagliacce so’ asciute,
l’acròbbate cinese, ‘e giuculiére,
‘e ttigre e ‘i liune cu ‘e riente appuntute.
 
Ah, si venesse – ra quanto l’aspetto! –
rint’ ô circo r’ ‘a vita mia,
nu prestiggiatore a me fà capisce
ca ce sta ancora spazzio p’ ‘a maggìa.
 
 
Un prestigiatore   
 
Sono venuti pesanti pesanti
gli zoccoli dei cavalli,
le zampe degli elefanti,
e solo poche volte si son visti
- che miracolo di leggerezza! –
i voli dei trapezisti.
 
Sotto il tendone alzato del mondo
i pagliacci perfino sono usciti,
gli acrobati cinesi, i giocolieri,
le tigri e i leoni coi denti appuntiti.
 
Ah, se venisse – da quanto l’aspetto! –
nel circo equestre della vita mia,
un prestigiatore a farmi capire
che ancora spazio c’è per la magia.
 
 *
 
Cchiù sulenne ‘o gghì
 
 
Mo ca se sente ca chistu cammino,
ca nun se sa addó va, s’avvia a fenì,
ha da èsse cchiù attiento ‘o gguardà annanze,
cchiù ardito ‘o passo, cchiù sulenne ‘o gghì.
 
   
Più solenne l’andare
 
 
Ora che si sente che questo cammino,
che va non si sa dove,
s’avvia a terminare,
dev’essere più attento il guardare avanti,
più ardito il passo e solenne l’andare.
 

*

Si me rate 'o permesso
 
Si me rate 'o permesso, me ne vaco,
mentre vuje
restate n'atu ppoco a ve fà cumpagnia,
io, scusateme ancora,
è meglio ca m'avvio.
 
A dà nu vaso ‘nfaccia a tutte quante,
come state assettate, nun ce arrivo,
atu tiempo nun ve ne faccio perde,
ve manno nu saluto collettivo.
 

Ra poco aggio saputo ca me tocca
'e fà nu tratto luongo
luongo 'e na via stramano,
piglio curaggio e 'o faccio,
si proprio me vulite rà na mano,
cuntinuate a parlà, a parlà fra vuje,
facìteme arrivà, mentre cammino,
'e vvoce voste chiare
ca fra loro se 'ntrecciano cuntente,
io m'alluntano, 'e ssento,
       e pure si nun ponno rischiarà
'a via ca tengo annanze, scura e muta,
me fanno veré meglio
chella ca già aggio fatto,
e me fanno capisce a che è servuta.
 
 
Se mi date il permesso
 
Se mi date il permesso, me ne vado,
mentre voi
restate un altro poco a farvi compagnia,
io, scusatemi ancora,
è meglio che mi avvio.
 
A dare un bacio in faccia a tutti quanti,
come state seduti, non ci arrivo,
altro tempo non ve ne faccio perdere,
vi mando un saluto collettivo.
 
Da poco ho saputo che mi tocca
di fare un tratto lungo
lungo di una via impervia,
prendo coraggio e lo faccio,
si proprio mi volete dare una mano,
continuate a parlare, a parlare fra voi,
fatemi  arrivare, mentre cammino,
le voci vostre  chiare
che fra loro si intrecciano contente
allontano, le sento ,
io mi allontano, le sento,
e pure se non possono rischiarare
la via che tengo avanti, scura e muta,
mi fanno veder meglio
quella che ho fatto
e mi fanno capire
a che è servita.
 
*

E chillu niente
 
Difronte a ‘e ccose r’ ’o munno
( nu munno ca ra ‘e stesse cose soje
c’’o tiempo vene sempe cchiù distrutto)
nun tenimmo ‘o curaggio ‘e rice niente,
e chillu niente fa capisce tutto.
 
 
 
E quel niente
 
Di fronte alle cose del mondo
(un mondo che dalle sue stesse cose
col tempo viene sempre più distrutto)
non abbiamo il coraggio di dir niente,
ed è quel niente a far capire tutto.

Un pensiero su “Poesie scelte

  1. …molto belle queste poesie di Mario Mastrangelo, che a passo lento sembra condurci nel giro completo del mondo, in un lungo dolce commiato…Poesie di persona che, amando, sa ascoltare, osservare, mentre dona riceve, scritte, in quella sua lingua intensa, come una ninna nanna per chi ha sofferto e ancora vive

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *