Archivi tag: Ennio Abate

2022. Notte di Capodanno in Piazza Duomo a Milano

Questi sono i primi  cinque interventi di una riflessione che  speriamo corale su un episodio di cronaca che sembra, come altri consimili,  paralizzare e azzerare le nostre già affaticate capacità di  pensare e agire sugli sconvolgimenti in atto nella nostra vita sociale. Altri  sono in arrivo e verranno pubblicati mano mano. [E. A.]

Continua la lettura di 2022. Notte di Capodanno in Piazza Duomo a Milano

O sindeche Bonocore

DA «SALIERNE» (NARRATORIO)

di Ennio Abate

Sta cosa – ca o sindeche e Salierne abitave addò ncumingiava Via Sichelgaite e ca veneve tutt’e matine a a messe dint’a chiese e sante Ruminiche e ca ere cazz’e cucchiare [1] (cheste aggia pensate roppe, co tiempe…) co parreche, ca se chiamave donn’Enze Quaglie, e ca ere ra Democrazia Cristiane e ca a messe a rumeneche donn’Enze a ncumingiave sule quann’isse ca famiglie arrivave e se metteve dritte o poste suoie, a destre e l’altare maggiore chine e sciuri frische, addò nge steve l’inginocchiatoie e a seggia soia, e ca quanne ronn’Enze arrivava a dì hocchestenimmcorpus meum nuie o vereveme nginucchiate e pensierose, co cuolle nu poche sturte, cumme se metteve pure o prime figlie suoie; o cumme se verene, rint’e quadre, e sante quann’e ricevene na visione; e ca ere sempe o primme a piglià l’ostie ‘mbocca; e ca po, finite a messe, traseva rint’a sacrestie e c’ere sempe gente attuorne a isse – m’è rimaste semp’ impresse.
E chi ere, pe me guaglione, chill’omme ch’ aggia guardate chissà quant’i votte e ca ere accussì rispettate? E na vote, me ricorde, ca ronn’Enze m’aveve pure raccumannate, pecché je teneve quacche insufficienze in latine e greche; e o sindache canusceve e prufessure ro ginnasie e forze nge puteve mette na bona parole; e isse m’aveva chieste e nomme e sti prufessure. Ere une re primme uommene ca facevene politiche ca je aggie cunusciute. Ca allore ie nun sapeve neppure a parole ‘politiche’ che significave. N’ate ca pure a faceve ere ra famiglie e ron Mattee Quarante, addo mammeme n’ge purtave pe fa visite a cummarella soie, zi Adeline. A case e stu ron Mattee viriette una ca ere n’onorevele e ca se chiamave Carle Petrone. Ere senza capille e nge mancave pure o vrazze sinistre. Ie nun ce parlaie maie. E pe tante tiempe aggia penzate ca l’aveve perdute in guerre pe na bombe. Po, ra viecchie, aggia sapute ra nu libre è storie ca ere nu sindacaliste ra Democrazie Cristiane e ca o vrazze l’aveve perse carenne ra nu carre mente jeve a fa na riunione verse Pontecagnane cu i cuntadine, E ie, quann’o vereve ra piccirille, ere sempe ‘mpressionate pecché ra sta maneche ra giacca nun spuntava a mane; e anze me pare ca o piezze vuote ra maniche ere appuntate cu na spille pe nunn’o fa sbatte ann’anze e arrete quanne caminave.
E n’ate ca capiette ca faceve politiche ere nu professore r’educazione fisiche ra scola medie e Piazza Malte, ca in palestre, pe tutta l’ore ra lezzione, n’ge faceve stà tutt’in file, a ripose, e se metteva a parlà e a rire cu n’ata professoresse sempe r’educazione fisiche. Cumme si nui manche nge stesseme; e ca na vote, sott’elezione, nge rette certi cartuscelle co stemme ro Partite Monarchiche ra purtà a casa pe fa vutà o nomme suoie.
R’at’a gente ca allore faceve politiche senteveme sule parlà. Une steve e case ncopp’a Via Pie XI, na palazzine vicine a chell’e zi Vicienze. O chiamavane Fonze a patane. Mie cuggine Antonie riceve ca ere cummuniste. E n’gere pure na canzone ca riceve: *E nunn’è oggie, sarà domane, facimme sindeche Fonz’a patane*. Ie nun l’aggie mai viste. Forse aggie viste o figlie, ca ere e l’età noste e ca canusceve Antonie.
Sempre po fatte ra politiche me ricorde – aveva esse o 1948 – ca mammeme e pateme avevene vutate rint’o seggie ca steve dint’o cortile ro Cunvitte Pascoli. E ca a nuie guagliucielle e Via Sichelgaite quaccune ng’aveve regalate certi pacchetti e carte co stemme ro scude cruciate. E ca, dinte, stevene certi fugliette e carte sapunate pe se lavà e mane. E ca, na rumeneche sempe e chilli tiempi, ment’e ieveme ra zi Vicienze cu mamme e pateme, ie e frateme teneveme mmane sta figurine ca faccie e Garibbarde. Ca però, si a mettive cap’e sotto, veneve a faccia e Baffone ca te guardave cu cattiverie. Ca nui manche sapeveme chi erene sti tizie.
Però capeveme ca e cummuniste mettevene paure chiù e tutte a mamma noste. E nu iuorn ere succiesse nu fatte ca nge mettettee paure pure a nui. Ie e frateme piccirille steveme camminanne tranquille cu mammeme proprie vicine o passaggie a livelle ra ferrovie, e Porta Rotese, ca steve ‘nfront’ a ville ro sindache Bonocore. Nun me ricorde si turnaveme a casa noste o ieveme a truvà quacche parente, ma e botte mammeme s’è ‘nnervorsite, ng’ia acchiappate tutte duei pe mmane; e, currenne, ng’à fatte accuvà rint’o sottopasagge. E pecché? Pecché passava na manifestazione e cummuniste ca cantavene e alluccavane. Pe mamma noste ere cumme si passasser’ e riavuli o ggente ca ere meglie manche verè ‘nfaccie. Continua la lettura di O sindeche Bonocore

Prof Samizdat (prova 2)

Tabea Nineo, Caduta, bassorilievo in creta, 1980

Narratorio. Versione  2020.

di Ennio Abate

Ah, se al Pacco Nord ci fosse stato con loro anche l’Autonomo! Lui, sì, che non si lasciava intimorire da leggi e circolari. Sulle cose sindacali si destreggiava da dio. Ne sapeva le asperità i trucchi i trabocchetti. E dove non arrivava da solo, si faceva consigliare da magistrati e avvocati amici suoi. Le prime volte s’erano incontrati alle porte della Marelli di Sestosangiò. Volantinavano per diverse Compagnie: Ahò l’uno, Elleccì l’altro. Dicevano che prima fosse stato uno dei fondatori della Cigielle Scuola. Lo si era saputo dopo il suo arresto, però. Roba da ridere. Perché nei rissosi collegi di allora il Flautista, che poi era il segretario picci-no del sindacato Cigielle d’Istituto, ogni volta che l’Autonomo prendeva la parola durante un’assemblea,  interveniva subito dopo per dipingerlo come un “distruttore del sindacato”. Prof Samizdat e l’Autonomo avevano fatto amicizia. Un po’, quella permessa dalle circostanze. E, compagni in carne ed ossa, stavano tutti i santi giorni a discutere assieme ad altri, “sinistri” e “destri” di quella “scuola rossa”. O fermandosi per i corridoi. O alla fine delle lezioni, trattenendosi  sul marciapiedi all’ingresso. Ma anche davanti  ad altre scuole. O a questa  e quella fabbricona o fabbrichetta dell’hinterland di MI. Lì facevano il “lavoro operaio” distribuendo volantini. Arrivando in contemporanea. Colombi non avvoltoi, dai! Uno col volantino di Haò. L’altro con quello di Ellecì. E un altro con quello di Autop. Tra quattro gatti di studenti e due o tre gatti di operai, tutti però “rivoluzionari”, si  mandavano segnali complicati e verbosi. Così dissero dopo i saccenti . Continua la lettura di Prof Samizdat (prova 2)

Al volo. Spunti. Sbratto.

a cura di Ennio Abate

Marzio Breda/ La crisi vista da un “quirinalista”

Quello che ha preso avvio nel 1990 è uno dei peggiori periodi di limite della storia repubblicana. Ha inaugurato anni che si sono fatti via via più difficili e cupi: «tempi che civettano sinistramente da notte dei tempi», li ha definiti il poeta Andrea Zanzotto in un epigramma che vale anche per tratteggiare i rapporti tra politica e Quirinale. Raccontarli è stato un compito impegnativo, cadenzato da ventuno crisi di governo e otto elezioni politiche, senza trascurare le consultazioni amministrative, europee e i referendum.

(da https://www.leparoleelecose.it/?p=43205) Continua la lettura di Al volo. Spunti. Sbratto.

Un sindaco socialista

APPUNTI PER UN RITRATTO POLITICO DI FRANCESCO GIALLOMBARDO

Salutano 
i miei immigrati
contenti degli stracci più colorati
che dopo anni di cottimo
hanno indossato

(E.A.,Samizdat Colognom, Ed.CELES, gennaio 1983)

di Ennio Abate

Non dovrei essere io a scrivere questo profilo politico di Francesco Giallombardo, sindaco socialista di Cologno dal 1980 al 1985, da tempo isolato, dimenticato e scomparso il 30 dicembre (2021) scorso. Lo avrebbero dovuto scrivere i suoi amici di partito o i suoi avversari politici o l’attuale sindaco, Angelo Rocchi. Ma parlare di Giallombardo significherebbe tirare in  ballo la questione della sinistra a Cologno Monzese e del suo ruolo controverso nella storia di questa città: un argomento scomodo se non scottante. E, perciò, quasi tutti si sono limitati a reticenti e sbrigativi RIP. Continua la lettura di Un sindaco socialista

Salierne’ rime cu ‘vierne’

da “narratorio”

di Ennio Abate

‘Salierne’ rime cu ‘vierne’ e ‘eterne’… O scrivette, in italiano, Alfonso Gatto, il poeta salernitano che non ho mai conosciuto da vivo. Ma a rime rimane pure si l’aggia scritte in dialett’e…E. tra le altre rime, mi segno anche: fraterno, governo, quaderno, inferno, interno, inverno, materno, padreterno, scherno, subalterno. (Avranno a che fare con questo narratorio). Continua la lettura di Salierne’ rime cu ‘vierne’

Ennio – Piero. Due lettere del 1981

Riordinadiario 1981

di Ennio Abate

Piero Del Giudice è morto il 30 agosto 2018. Ne abbiamo ricordato la figura (qui, quiqui, qui).  Qualche suo articolo era apparso prima anche su Poliscritture (qui, qui). Mentre proseguo la sistemazione del mio  “riodinadiario”, per ricordare ogni tanto  anche ad altri la sua  figura, pubblico (scannerizzandola da una fotocopia: i riquadri sono stralci di articoli tratti dai giornali, qui illeggibili)  una sua poesia, Oggi si leva, e  due lettere del 1981. [ E. A.]

Continua la lettura di Ennio – Piero. Due lettere del 1981

Antimarxismo tinto di femminismo spiccio

Jenny von Westphalen e Karl Marx

Al volo/Alla ricerca del Marx perduto (2)

di Ennio Abate

Sto leggendo il libro di Marcello Musto su Marx e, come al solito, su  alcuni dei gruppi di FB avevo lasciato  giorni fa questo mio:

AL VOLO/ VOI CHE TANTO PUBBLICATE, IMPARATE (DA MARX!)

"La sua [di Marx] scrupolosità era meticolosa: "si rifiutava di scrivere una frase se non era in grado di di provarla in dieci modi diversi". Il convincimento dell'insufficienza delle informazioni e dell'immaturità delle sue valutazioni gli impediva di pubblicare gran parte dei lavori a cui si era dedicato, che rimanevano, perciò, abbozzati e frammentari".

(da Marcello Musto, Ripensare Marx e i marxismi, pag. 52, Carocci, Roma 2011)
Continua la lettura di Antimarxismo tinto di femminismo spiccio

Addii

 (Per l’ultimo dell’anno 2021 di Poliscritture)

di Ennio Abate 

Allora dimenticai l’insopportabile sprezzo dell’Intelletto saccente
verso gli uomini di buone volontà, il delirio
dell’Io che si gonfia calpestando l’ingegno umile dei molti.

Brevi comete a me ostili!
Dai loro Lassù sbuffavano eoli beffardi
e poi sfolgoravano altrove, lontane.

Lascio che si cullino nell’Eternità dei Papaveri.
Torno a sentire le nenie stampate nel Sud della mia mente.
E riparo le bussole che, passando tremende, hanno scassato.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è Poliscritture1b.jpg
Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è 1977-SPLEEN-DEL-PENDOLARE-1977-1.jpg

La Marx-Engels-Gesamtausgabe (MEGA)

Alla ricerca del Marx perduto (1)

a cura di Ennio Abate

1.
Uno degli esempi più significativi di questa riscoperta [di Marx] è costituito proprio dalla MEGA.[1] Questa impresa riveste grande importanza per la ricerca su Marx, se si considera che una parte dei manoscritti di Il capitale di Marx, delle lettere a lui indirizzate e della immensa mole di estratti e annotazioni, che egli era solito compilare dai testi che leggeva, è sta pubblicata dopo il 1998 o è tuttora inedita. Continua la lettura di La Marx-Engels-Gesamtausgabe (MEGA)