Archivi tag: terra

le torri di avvistamento piantate dal nonno

Nilo Australi, Cipressi

 

 di  Angelo Australi

 “Chi, per esempio, potrebbe dispiacersi per San Francesco perché si strappò le vesti e fece voto di povertà? Egli fu il primo uomo che si ricordi a chiedere ossa invece di pane.” 
Henry Miller

 

     A dieci anni guidavo il trattore come un grande. Non è una balla, lo Zio Seneca mi metteva una mano sulla spalla per sospingermi verso il trattore e diceva sali che andiamo a spandere il concio sulla terra. Il carro ci aspettava pieno di sterco fumante, con il forcone infilzato sul cumulo. Sembrava che dall’aia si propagasse il focolaio di un incendio, mentre gli odori predominanti salivano ancora dalla terra umida del mattino. Continua la lettura di le torri di avvistamento piantate dal nonno

Barunisse

Narratorio

 

di Ennio Abate

Ma a chi parlare di Barunisse oggi? E perché? Ai poeti, ai poeti morti. A uno come Mandel’štam, di cui sto leggendo “Quaderni di Voronez”, a Cesare Pavese, che ho amato in gioventù, a quelli di allora, di cui qui parlo e che sono nel frattempo morti. Continua la lettura di Barunisse

L’acqua entra dalle mie labbra

 

 

di Arnaldo Éderle

Stavo pensando a una sequela
di ragionamenti tanto forti da farmi
vibrare il cervello e rotolarmi
nella loro burrasca e vedermi Continua la lettura di L’acqua entra dalle mie labbra

A testa in giù

Martedì 21 marzo 2017, alle ore 18, a “Casa Lodi”, via Cappellari 3 a Milano  verrà presentata “LUCI DI POSIZIONE. Poesie per il nuovo millennio. Antologia del Realismo Terminale a cura di Giuseppe Langella”, Mursia, Milano 2017. Saranno presenti: Guido Oldani, Giusy Càfari Panìco, Franco Dionesalvi, Valentina Neri, Marco Pellegrini e Giuseppe Langella.  L’idea del Realismo Terminale è  stata teorizzata nel 2010 da Guido Oldani.  E nel 2014  è stato elaborato e firmato da Guido Oldani, Giuseppe Langella ed Elena Salibra (altri autori poi si sono aggiunti)  il “manifesto breve” del movimento, che viene qui pubblicato con una breve scelta di poesie dei vari autori. Pur avendo fin da subito, nel 2012, espresso un mio parere critico sulle tesi di Oldani (qui), ritengo utile e doveroso un confronto approfondito con poeti e critici che hanno ancora il coraggio di *fare gruppo* e volgere lo sguardo della poesia verso una realtà non da playstation. [E. A.]

MANIFESTO BREVE DEL REALISMO TERMINALE

di Guido Oldani, Giusy Càfari Panìco, Franco Dionesalvi, Valentina Neri, Marco Pellegrini, Giuseppe Langella

La Terra è in piena pandemia abitativa: il genere umano si sta ammassando in immense megalopoli, le “città continue” di calviniana memoria, contenitori post-umani, senza storia e senza volto. Continua la lettura di A testa in giù

Una Nuova Frontiera

DIALOGANDO CON IL TONTO (9)

di Giulio Toffoli

Siamo alla fine di febbraio, il clima è relativamente mite e non ha quasi piovuto. Nell’ultimo periodo però ci troviamo sotto una cappa di nebbia, forse sarebbe meglio dire una nebbiolina che non invita a uscire. Ci dicono che è costituita da particelle di polveri sottili e che hanno anche trovato il presunto colpevole: il diesel. La cultura occidentale ha sempre bisogno di individuare un colpevole. Uno solo, a cui addebitare di volta in volte le varie colpe che, secondo un più meditato buon senso, dovrebbero essere equamente divise fra varie cause, prima fra tutte la nostra naturale irresponsabilità e poi l’inesauribile rapacità del capitale di cui siamo strumenti ciechi.
Visto il clima decido di non uscire e invitare a casa il Tonto che arriva qualche ora dopo tutto intabarrato e palesemente affaticato.
Gli chiedo: “Cosa ti è successo … Quattro passi e sei quasi uno straccio”.
“Lo dici tu, con questo clima e con la cappa di informazioni che ti mettono sotto li occhi, le statistiche di quelli che muoiono a causa dello smog, camminando si prova una strana sensazione … quella di morire passo dopo passo. E ti assicuro che non è bella.
Viviamo in un clima di tensione continua, alla eccezionalità dei tempi segnati da una conflittualità latente si aggiunge la congiura della natura che, come insegna il poeta, è naturalmente matrigna. E tu vuoi che cammini senza sentire il peso di questa vita?”
Lo faccio sedere e gli chiedo che ne pensa di Trappist-1.
“Trappist?” mi risponde.
“Ma sì è scritto su tutti i giornali, da questa mattina ci bombardano di “notizie” o qualche cosa del genere …”.
“Sai – continua il Tonto – io fino ad ieri conoscevo i Trappisti e sapevo che erano una parte dei Cistercensi, ordine religioso di stretta osservanza sviluppatosi più o meno all’inizio del XII secolo”.
“Vabbè quella è la storia, roba vecchia, bisogna aggiornarsi e la grande novità è che è stato individuato un sistema planetario nuovo nuovo a cui è stato dato guarda caso quel nome.
Visto che sembri ignaro di tanta nuova ti leggo un articolo che ho trovato sul giornale. Inizia così:
«Il più grande sistema planetario mai scoperto con tanti possibili sosia della Terra, a nemmeno 40 anni luce da noi … tre dei sette pianeti dei Trappist-1 si trovano in una zona abitabile, cioè a una distanza ottimale dalla stella per avere acqua allo stato liquido … Il “sole” di questo sistema planetario è una vecchia conoscenza per gli astronomi: era stato scoperto nel maggio del 2016 insieme a tre pianeti che si trovano nella fascia abitabile». Poi l’articolo continua spiegando che la stella intorno a cui ruotano questi pianeti è una stella nana e conclude con un perentorio: «quei tre pianeti … rappresentano per gli astronomi una sorta di Santo Graal poiché hanno le condizioni ideali per poter ospitare la vita».
Non ti pare una notizia notevole …”:
“Sai – mi ha risposto dopo avermi fissato a lungo – io ultimamente i giornali non riesco a leggerli e anche per internet inizio ad avere una reazione di rigetto. Mi sembra un articolo davvero banale. Si tratta, certo anche tu lo hai notato, di un testo pieno di una insulsaggini al limite del ridicolo”.
“Perché? E’su tutte le prime pagine, ci sono ricostruzioni in 3D su internet di questi pianeti. Tutti ne parlano come una scoperta particolarmente importante … c’è anche la garanzia della NASA”.
“Insomma vuoi dire che non ti hanno colpito le sciocchezze, degne della imperante mediocrità, che ci sono scritte? Si può partire dal pressapochismo di chi parla di un “sosia” della terra basandosi su una quantità infima di dati. Insomma tutto il discorso si fonda su ipotesi tutt’altro che suffragate. Si ha l’impressione che si tratti davvero della solita gara a cercare di trovare uno spazio nel mercato delle informazioni per impressionare un pubblico visto sempre più come una plebe imbelle. Ma mi concederai quel “a nemmeno di 40 anni luce” è davvero un capolavoro. Non dissimile da quel “vecchia conoscenza per gli astronomi” e così scopriamo che ciò che è stato individuato per la prima volta nel maggio del 2016 è “vecchio”. Una concezione davvero postmoderna del flusso del tempo.
Infine quel richiamo al Santo Graal tanto per aggiungere qualche cosa di sacrale e misterioso insieme.
Solo parole per riempire le pagine di un giornale. Poi tutto viene rapidamente dimenticato. Fino alla prossima scoperta che dovrà essere necessariamente più “grande”.
Poi mi concederai se richiamo la tua attenzione su quel “40 anni luce” …”
“In che senso” gli rispondo.
“Nel senso che – prende in mano il telefonino e dopo avere trafficato un poco aggiunge – se mi insegni che un anno luce corrisponde a 9 461 miliardi di chilometri basta fare una moltiplicazione semplice semplice per capire che la distanza fra noi e questi pianeti è di 378.440 miliardi di chilometri, metro più o meno. Una distanza che si potrebbe percorrere, non si sa bene con quale marchingegno, né con quale forma di energia ed esclusi incidenti, in qualche cosa come 800 dei nostri anni.
Insomma siamo sul terreno della più pura fantascienza, se non di una sfrenata fantasia”.
“Sei il solito pessimista, non sembri provare mai un brivido di emozione. Guardando il cielo stellato non avrai forse una sensazione nuova … non ricordi ET, non ti fai avvolgere dal mistero della vita che potrebbe superare finalmente i limiti della nostra ancestrale idea della unicità della esistenza su questa terra?”
“Se è per questo proprio poco più di quattro secoli fa in Campo de Fiori a Roma hanno bruciato uno che queste cose le aveva già dette bene e chiare …”.
“Insomma – tu mi dici – che ci troviamo di fronte alla solita Fakenews …”
“No – risponde il Tonto – si tratta di una notizia scientifica che può essere anche interessante e degna di attenzione se adeguatamente corroborata da fatti e che vien distorta dall’uso perverso della informazione trasformata in ideologia, strumento di manipolazione di massa, un poco come le armi di distruzione di massa”.
“Spiegati meglio …”
“Non so se di recente hai fermato l’attenzione sul piano del miliardario statunitense Elon Musk per colonizzare Marte. Si tratta di una strana specie di individuo in cui non è facile capire dove sia il confine fra il più folle narcisismo e il delirio di onnipotenza. Questo signore afferma di voler trasformare la specie umana in una “specie multiplanetaria”. E’ salito sul palco del 67° International Astronautical Congress a Guadalajara, in Messico, per presentare il modello di un propulsore alto 100 metri e un progetto per la costruzione di una colonia su Marte entro i prossimi 40-100 anni. Ha detto fra l’altro: «Non ho da rivelarvi una profezia sul giorno del giudizio. Però le cose sono due: possiamo stare per sempre sulla Terra, e prima o poi ci sarà un evento che ci farà estinguere; oppure possiamo diventare una specie multiplanetaria, e spero concordiate che sia la cosa giusta da fare».
A detta di questo signore Marte, di cui conosciamo le caratteristiche fisiche estreme e del tutto lontane da quelle adatte a una colonizzazione come la potrebbe intendere un normale essere umano, è il pianeta ideale per un colonialismo spaziale. Inutile domandargli i motivi … individui del genere non hanno dubbi e le risposte sono standard.
Inutile, almeno per noi, anche fermarsi a ragionare sui costi e sugli aspetti tecnici basti aggiungere che il Musk ha infine presentato una vera e propria scaletta che prevede i primi voli sperimentali iniziando dal 2023 per poi creare un primo avamposto marziano e in seguito costruire una vera e propria colonia con decine di migliaia e perfino centinaia di migliaia di individui”.
“Giunti a questo punto credo di aver intuito dove vuoi andare a parare. Ci troviamo di fronte al solito mito della frontiera, quello che ha costituito sia il mito fondatore degli USA sia la meta verso cui ha puntato da sempre l’attenzione della élite che ha governato quel paese, meta sempre agoniata e mai definitivamente raggiunta. Quella per cui i coloni, giunti su quelle terre nel XVII secolo, hanno prima massacrato le popolazioni autoctone e poi, in un continuo processo di espansione, giocando sulla continua ed eterna riproposizione del conflitto fra civiltà e barbarie hanno inanellato una dopo l’altra una serie infinita di guerre, combattendo senza requie e contro tutti quasi fossero portatori di una missione divina. Ora la terra non gli basta più, anzi negli ultimi decenni hanno iniziato a incontrare crescenti difficoltà, sconfitto l’Impero del Male non sono riusciti nel gioco di sostituirlo con qualche altro Nemico Assoluto. Il Fondamentalismo è risultato un nemico sfuggente … Anche le guerre sono diventate sempre più lunghe e difficili da vincere, intaccando così lo splendore della invincibilità imperiale. Ecco allora l’individuazione di una Nuova Frontiera. Non più quella kennediana che si è dimostrata fallimentare ma quella dell’infinito e oltre: lo spazio”.
Allora il Tonto è tolto di tasca un foglio e ha aggiunto: “D’altronde non siamo noi a dirlo, è una tradizione consolidata nella loro retorica politica. Il senatore Beveridge, in tempo non sospetti, ebbe a dire: «Il destino ha tracciato la nostra politica: il commercio mondiale deve essere e sarà nostro … Costruiremo una marina da guerra in proporzioni alla nostra grandezza. La legge americana, l’ordine americano, la civiltà americana si stabiliranno su quelle rive … che vivono sommerse dalle tenebre dell’ignoranza ma saranno benedette e felici sotto queste forze che emanano da Dio».
Si è scoperto che questo destino non è sempre gradito come l’oligarchia di potere statunitense voleva o sperava. Vi è nei popoli del mondo una incoercibile tendenza a ribellarsi e a non sottostare al verbo degli USA che con il tempo si è andato appannando.
Cosa c’è di meglio per rilanciarlo se non disegnare un futuro spaziale per la specie e soprattutto per loro che si autoidentificano con la parte eletta dell’umanità? Lasciamoli andare, forse impegnati a progettare l’occupazione di pianeti, esopianeti e sistemi planetari lasceranno un poco in pace questa nostra terra”.

Bellissimo profondissimo cielo

René Magritte

di Arnaldo Éderle

 

Bellissimo profondo
cielo.
Di lì guardavo l’infinito
pieno di nulla, pieno di
tutto.
E il mondo
era tutto qui giù con me.
E il collo di una
bottiglietta sul mio tavolino
puntava verso l’alto
per succhiarselo tutto
nella sua piccola pancia. Continua la lettura di Bellissimo profondissimo cielo

2 prove e 3 carte

cartapesta lecce

di Antonio Sagredo

 

Prova n.° 1
(ragnatele)

Non puoi andare oltre il sor/riso di una scrittura,
 il segno che ti dono è il diniego del tuo gesto.
 Non attendere che l’orrore quotidiano sia la tua natura:
 il tempo è malato e fuori del suo delirio - io resto. Continua la lettura di 2 prove e 3 carte 

Nella terra

zolle 2

di Paolo Ottaviani

 

…pensando a Franco Scataglini e
a Codicilli – 1. –” di Giovanni Raboni 

 

 

 

Nella terra così come l’aprì
il piccone e la pala, nella terra
perseverante e non lieve così

come alcuni vaneggiano, ma terra
dura e paziente che sa trasformare
lentamente le ossa in altra terra

o polvere, non cenere, e che un vento
improvviso la alzi sopra il mare
della luce oltre ogni sfinimento

di ogni immaginazione, per giocare
nel tempo non più nostro
che laggiù ancora ci ama
e che il cielo s’inchini su quel nostro
polveroso trastullo con la brama
calma di un diogemma
venuto dall’Oriente con la flemma
studiata di chi ha vinto
la morte, variopinto
mutare delle cose, come le ossa
rifiorite che spianano la fossa.

Gico il lombrico: verme solo di fatto

lombrico

di Franco Nova

Gico il lombrico si aggirava triste triste su un terreno argilloso reso tutto melma per la troppa pioggia caduta in mattinata. Adesso spuntava un timido sole autunnale, c’era un po’ di caldo ma il fango era tutt’altro che rappreso e solidificato. Gico strisciava con grande difficoltà. Pensava sospirando a quegli animali che avevano almeno due zampe, non rendendosi tuttavia conto che anch’essi non camminavano affatto agevolmente su quel terreno così viscido e in cui dunque si sprofondava. Lui almeno era leggero e andava perciò incontro a brevi momenti di minimo affondamento. Continua la lettura di Gico il lombrico: verme solo di fatto