poliscritture

 
  • Aumenta dimensione caratteri
  • Dimensione caratteri predefinita
  • Diminuisci dimensione caratteri

SEGNALAZIONE - Poliscritture n.10

E-mail Stampa PDF

Lunedì 24 marzo, ore 20.30
Presentazione del n. 10 della rivista
Poliscritture
Rivista di ricerca e cultura critica

 

* Nota: Poliscritture è rivista cartacea e sito. Stiamo preparando il n.11 del cartaceo sul tema ‘scienze’ e fra una quindicina di giorni sarà pronto anche il nuovo sito.

Leggi tutto...
 

Giuseppe Muraca - Intervista a Velio Abati

E-mail Stampa PDF

Velio Abati è nato a Roccalbegna, in provincia di Grosseto, nel 1953. Dopo la laurea in Lettere e Filosofia all’Università di Siena si è dedicato all’insegnamento e a un’intensa attività culturale. Ha pubblicato diversi volumi di saggistica, di poesia, di narrativa e di teatro e ha collaborato e collabora a diversi giornali e riviste. Ha pubblicato di recente il romanzo Domani, Lecce, Manni Editori, 2013.  Per notizie e approfondimenti su Abati e sul suo romanzo rimandiamo al suo sito: DOMANI E ALTRI FUTURI (http://velioabati.com/)

1. In quale periodo hai iniziato a scrivere di critica letteraria? E quali amicizie hanno contato per te?

Laureatomi nel 1977, nella neonata facoltà di Lettere e Filosofia di Siena, dopo la prima pubblicazione sulla tesi di laurea e le prime esercitazioni tenute nella Facoltà senese, per interessamento e stimolo di Antonio Prete, sono rimasto per alcuni anni nel poderetto grossetano dei miei, dove ero tornato, per necessità economiche, già a metà del mio percorso universitario. Qui, nel tempo libero dai lavori nei campi e nella trattoria, ho accanitamente costruito e studiato la metà della mia attuale biblioteca, insieme con la coda dell’impegno politico nell’allora sinistra extraparlamentare, terminato con il 1978. Ho continuato a scrivere diari, poesie, racconti. In quel periodo m’imbattei nella lettura di Andrea Zanzotto, con cui entrai in contatto epistolare. Forse il primo scritto pubblico di critica letteraria è proprio sul grande di Pieve di Soligo, comparso su una rivistina siciliana che s’intitolava “Tabella di Marcia”, diretta da Angela Giannitrapani. Credo di ricordare che per questa pubblicazione mi fece da tramite il poeta e amico spezzino Roberto Bugliani.

Leggi tutto...
 

IN MORTE DI COSTANZO PREVE

E-mail Stampa PDF

Riduco a due righe la polemica nei confronti  degli intellettuali di sinistra, che in questi  ultimi decenni hanno accettato la demonizzazione e l'emarginazione di intellettuali dissenzienti come Costanzo Preve e mi adatto a  esprimere il dolore per la sua scomparsa, pubblicando, per ricordarlo, la testimonianza umanissima che mi rese  dopo la morte di un altro "quasi dimenticato": Franco Fortini. [E.A.]


...NON MI SONO MAI SENTITO IN SOGGEZIONE COME CON FORTINI...
di Costanzo Preve

Ho visto Franco Fortini cinque o sei volte nella mia vita e ho colloquiato a lungo con lui alla metà degli anni ‘80, quando ci fu un convegno su Lukacs e Bloch a cui Fortini intervenne assieme a Cesare Cases, e poi in altre occasioni fra la fine degli anni ‘80 e l’inizio dei ‘90.
Prima ero stato soltanto un suo lettore o l’avevo ascoltato in qualche conferenza.

Negli ambienti che io ho frequentato  Fortini aveva un’alta immagine e non ho mai ascoltato giudizi cattivi, pesanti o spregiativi su di lui. Era considerato, più o meno come lo consideravo io: un maestro della letteratura e della forma, della poesia e della saggistica filosofica e politica; e contemporaneamente un intellettuale di altissimo livello, non solo paragonabile a Pasolini ma di prima grandezza.

Leggi tutto...
 

Ennio Abate - NON DI SOLI DESIDERI VIVONO LE MASSE Osservazioni e obiezioni a Guido Mazzoni

E-mail Stampa PDF

In risposta a "I desideri e le masse. Una riflessione sul presente" di Guido Mazzoni pubblicato su LE PAROLE E LE COSE (qui)

 

 

…..Sì col dolce dir m'adeschi,
ch'i' non posso tacere; e voi non gravi
perch'io un poco a ragionar m'inveschi.

(Inferno – Canto XIII)

 

Pur riconoscendo al saggio di Guido Mazzoni chiarezza di esposizione, capacità di spaziare su un dibattito culturale di grande interesse e descrivere con puntualità una sensibilità oggi diffusa in vasti strati intellettuali, non riesco ad accogliere buona parte della sua analisi e soprattutto  la sua conclusione, che a me  è parsa non una «forma profonda di saggezza», ma politicamente rassegnata e nichilista. Esprimo qui di seguito – spero rispettosamente ma con fermezza – il mio dissenso.

Leggi tutto...
 

Segnalazione

E-mail Stampa PDF

 

è uscito

POLISCRITTURE n.9

Laboratorio di ricerca e cultura critica

Il numero della rivista

ora edita da CFR

è dedicato a Franco Fortini

contiene testi di:

ABATE-ABATI-ALLEGRA-BANFI-BUGLIANI-BRISCUSO-CASCELLA LUCIANI-CIRIACHI-CORSI-DEIDIER-DELL'AQUILA-DI MARO-FERRIERI-FORTINI-LENZINI-LUCINI-MAGAZZENI-MANNACIO-MASI-PARTESANA-RECCIA-ROBUSTELLI-ROVERSI-SALZARULO-SANTARONE-TOFFOLI-TAGLIAFIERRO-ZINATO

 

LETTERA AGLI AMICI DI POLISCRITTURE

Cari abbonati, collaboratori, amici, sostenitori e…,
è appena uscito il n. 9 di "Poliscritture", dedicato a Franco Fortini. La redazione si sente di consigliare anche questo numero, in partenza forse non facile. Se vorrete leggerlo, ci sottoporremo volentieri alla vostra critica dialogante. La rivista non è granché distribuita (i punti vendita sono quelli riportati sulla seconda pagina di copertina). Perché dunque non abbonarsi? 15 euro per due numeri (ci siamo lasciati convincere ad aumentare il costo di un numero a 8 euro). 
Poliscritture ha ora un editore: Gianmario Lucini di CFR. Chi vorrà sottoscrivere un abbonamento potrà dunque effettuare un bonifico bancario utilizzando questi dati:

Gianmario Lucini  IBAN    IT79H0521683560000000018953      Banca Credito Valtellinese BPCVIT2S

e indicando come causale: abbonamento n. 9 e 10 di Poliscritture.Naturalmente se si vorrà acquistare alcune copie del n. 9 o numeri pregressi la causale sarà diversa e conseguente. Indicate chiaramente anche l'indirizzo in modo che vi si possa inviare quanto chiedete.
Per ulteriori chiarimenti o per usare altre modalità di pagamento potete scrivere a Ennio Abate, via Pirandello 6. 20093 Cologno monzese (MI). Oppure a: Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

Grazie del vostro tempo


La redazione di Poliscritture


 
  • «
  •  Inizio 
  •  Prec. 
  •  1 
  •  2 
  •  Succ. 
  •  Fine 
  • »
Pagina 1 di 2