Poesie di Margaret O’ Driscoll

Traduzioni di Angela D’Ambra

Pubblico queste poesie che definirei “ecologiste” e di disarmante candore in segno di accoglienza verso una sensibilità poetica molto diversa da quelle più disincantate o addirittura ciniche che oggi danno il segno dominante alla cultura italiana in crisi. [E. A.]

1.
 
Dewdrops
 
Breakfast time May morning
Sun shines bright outside
Glittering jewels hang in a row
All along the slide
Glistening dewdrops on the grass
Crystals sparkle on the swing
The daisy chain made yesterday
Shines like diamonds on a string
 
 
 
Gocce di rugiada

Mattina di maggio ora di colazione
Il sole fuori splende sfavillante
Gioielli brillanti pendono in fila
Lungo l’intero scivolo
Sull’erba gocce di rugiada luccicanti
Cristalli scintillanti sull’altalena
Le ghirlanda di margherite fatta ieri
Splende come diamanti sopra un filo.
 
  

2.
 
Forever Wild
 
Leave the trees grow where they will
Leave the bracken on the hill
Leave the stream to gently stray
Leave nature have it's way
Leave the plants to self seed
Leave the haunts for birds to feed
Leave the area unspoiled
Leave the scene forever wild
 
 
 
Selvatico per sempre

Lascia gli alberi crescere dove vogliono
Lascia la felceta sul poggio
Lascia il rivo dolcemente deviare
Lascia la natura a suo modo fare
Lascia le piante auto-seminarsi
Lascia le tane d’uccelli alimentarsi
Lascia l’area incontaminata
Lascia l’ambiente selvatico, per sempre.
 
 
3.
 
A Mislaid Poem
 
It's got to be someplace
In a copy, on a sheet
In a notebook, in the attic
Left somewhere quite discreet
I remember writing it
Just in time for a deadline
Didn't get round to enter it
Just like many more of mine
I found another long lost poem
Another one I didn't send
It felt good seeing it again
Just like meeting an old friend
 
 
 
Una poesia smarrita

Deve essere da qualche parte
In una copia, su un foglio
In un taccuino, nel solaio
Lasciata in un luogo assai riservato
Ricordo d’averla scritta
Giusto in tempo per una scadenza
Non arrivò in finale
Proprio come molte delle mie
Ne trovai un’altra da tempo perduta
Una che non avevo inviato
Fu bello rivederla di nuovo
Proprio come incontrare un vecchio amico
 
 
4.
 
A Poem In Stone
 
Awed by its architecture
I step inside
Gigantic Gothic arches
Rise on either side
Atop red marble columns
Along each side of the aisle
A colossal feat of construction
Created to Pugin's style
Splendid stained glass windows
Depicting saints of glory
Sun's rays shine through the hues
Each panel tells a story
Jesus and his apostles in white marble
The Last Supper around the table
Pricelss treasures by master craftsmen
Gifted, artistic, diligent and able
I pray for my family and I
As I stand there alone
In that graceful peaceful sanctuary
A poem in stone
 
 
 
Poesia in pietra
 
Intimorita dalla sua architettura
Io entro
Archi gotici giganteschi
Su entrambi i lati s’ergono
In cima a colonne di marmo rosso
Lungo ogni lato della navata
Una colossale opera di costruzione
Creata nello stile di Pugin
Splendide vetrate colorate
Raffiguranti santi in gloria
I raggi del sole scintillano nei colori
Ogni pannello narra una storia
Gesù e i suoi apostoli in marmo bianco
L'Ultima Cena attorno al tavolo
Tesori inestimabili di mastri artigiani
Dotati, artistici, diligenti e capaci
Io prego per la mia famiglia e me
Mentre sto lì da sola
In quel grazioso, pacifico santuario
Una poesia in pietra
 
 
 
5.
 
African Queen
 
From an ancient tribe
You are strong and serene
Your hair coiled in braids
An African queen
You respect the environment
Live a traditional lifestyle
Like generations past
You're in tune with the soil
You survive sweltering heat
You're a steward of lands old
A guardian of earth
More precious than gold
 
 
 
Regina africana



Da una tribù antica
Tu sei forte e serena
La tua chioma attorta in trecce
Una regina africana
Tu rispetti l’ambiente naturale
Vivi secondo tradizione
Come le generazioni passate
Sei in sintonia con il suolo
Sopravvivi all’arsura canicolare
Sei tutrice di antiche terre
Una guardiana della Terra
Più preziosa dell'oro
 
 
6.
 
An Enigma
 
Looking into the future
sitting on a wooden crate
light suit, waistcoat and tie,
a long cigar to drag on as time goes by
A pink rose penned to your lapel
a guest at a wedding today?
An enigma like Mona Lisa
alone on a Summer's day
One arm resting on a bamboo cane
are you an actor on a film set?
A trilby in your left hand
you're an arty type I bet!
A great stone building behind you
with an ornate wrought iron gate
Who or what are you waiting for
what on earth's in the crate?
 
 
 
Un enigma
 
Con lo sguardo al futuro
seduto su una cassa di legno
abito leggero, gilet e cravatta,
un lungo sigaro per farsi un tiro mentre il tempo passa
Una rosa rosa appuntata al tuo bavero
ospite a un matrimonio oggi?
Un enigma come Monna Lisa
solitario in un giorno d'estate
Un braccio posato su una canna di bambù
sei un attore sul set di un film?
Una lobbia nella mano sinistra
ci scommetto! sei uno con pretese d’artista
alle tue spalle un grande edificio in pietra
con cancello in ferro battuto decorato
Chi o cosa stai aspettando
che diamine c'è nella cassa?
 
 
 
7.
 
Around Every Turn
 
Each side of the road covered in wild
Garlic around every turn I pass
Wonderful white flowers flourishing
On either side there, en masse

A winding avenue garlanded in garlic
Low banks and verges alike
No palace could ever compete with
That scene I passed on my bike
 
 
A ogni svolta



Ogni lato della strada ricoperto d’aglio
Selvatico a ogni svolta che supero
Meravigliosi fiori bianchi in boccio
Su entrambi i lati là, en masse

Un viale tortuoso inghirlandato d'aglio
Sponde e margini parimenti bassi
Nessun palazzo potrebbe mai competere con
la scena che ho superato in bicicletta.
 
 
 
8.
 
At Drombeg
 
Little hands hold fuchsia flowers
Snap off the ends and bite
They taste the sweetest nectar
Then pick more with delight

At the end of fuchsia lane
The stone circle comes into view
Little ones play 'hide and seek'
Little voices shout, 'peek a boo'

Little hands pick purple vetch
Birds foot trefoil in a bunch
Then sit by the fulacht fiadh
Enjoying ham sandwiches for lunch.
 
 
 

A
Drombeg



Manine tengono fiori di fucsia
Spezzano le estremità e mordono
Assaggiano il nettare più dolce
Poi deliziate ne colgono di più Alla fine del viale delle fucsia
Il cerchio di pietre emerge alla vista
I piccoli giocano a nascondino
Vocine gridano, ‘cucù’

Manine colgono la veccia porporina
Ginestrino in un mazzo
Poi siedono accanto al fulacht fiadh
Godendosi il pranzo di panini al prosciutto.
 
 
 
9.
 
Awakening
 
Warmth of Spring
Sap rises
Growth surges anew

Take it, take it
Take the sun's caress
Take the richness of the earth

Renewal, rebirth
Sap spreads through each vein
Each sinew

A great greening
Unleashing of leaves
Buds burst forth
In quick succession

Plants don't stop to ponder
The time is now
Be swept up with the rising sap
For it is Spring - it is Spring
Embrace the feeling it awakens
 
 
 
Risveglio




Tepore di Primavera
La linfa sale
La crescita di nuovo avanza

Prendila, prendila
Prendi la carezza del sole
Prendi la ricchezza della terra

Rinnovo, rinascita
La linfa si sparge per ogni vena
Ogni tendine

Un vasto verdeggiare
Sfrenarsi di foglie
Gemme sbocciano
In rapida sequenza

Le piante non si fermano a riflettere
Ora è il momento
di farsi travolgere dalla linfa che sale
Perché è Primavera - è Primavera
Abbraccia l’emozione che risveglia
 
 
10.
Despair
All possessions given away
contemplating the escape
substances don't even numb
the aching despair, hopelessness

A band, blade, water, tablets
between life and death
intention to cease living
marked along her neck
Not much spoken
no appetite for life
totally covered in blankets
wanting to be underground

All words are now useless
sun doesn't reach the room
where a broken mind's in a tunnel
devoid of everything.
 
 
 
Disperazione
Tutti i possessi dati via
contemplando la fuga
le ricchezze non ottundono neppure
la disperazione dolorosa, l’assenza di speranza

Una fascia, lama, acqua, compresse
tra la vita e la morte
l’intenzione di smettere di vivere
segnata lungo il collo di lei
Non molto da dire
nessuna brama di vita
totalmente coperta di coltri
voglia di essere sepolta

Tutte le parole sono inutili, ora
il sole non raggiunge la stanza
dove una mente disfatta è in un tunnel
privo d’ogni cosa.
 
 
 
11.
 
Just Passing Through
I took a trip down memory lane
along the byways last September
Pointing out familiar places
and events I well remember
Twin peaks away in the distance
mountains all hazy in blue
To the southwest a woodland
all around an amazing view
The ditches purple with heather
fuchsia drips red in the hedge
Swallows feast for their migration
montbretia in bloom at the edge
The hay fields that once resounded
to the corncrakes constant call
Where hay was cut and turned
when dry piled in haycocks tall
I passed along the old school route
I thought of the stream roaring down
Water gushing out of the gulley
froth rising, the bubbles peat brown
The turn where I saw a stoat
slinking along, tail end black
The hill where the kestrel hovered
then suddenly launched an attack
A region remote and rugged
where stars lit up the dark nights
Where in childhood I gazed in amazement
at the swirling Northern Lights
Time passes but memories remain
to be passed to generations new
Cherish those magical moments
we are all just passing through
 
 
 
Solo di passaggio
lo scorso settembre ho fatto un’escursione
sul viale della memoria per strade secondarie
Additando luoghi familiari
ed eventi che ricordo bene
Vette gemelle laggiù in lontananza
montagne tutte brumose di blu
A sud-ovest un bosco
tutt’intorno una vista strabiliante
I fossi porporini d’erica
stille di fucsia rosse nella siepe
Rondini in festa per la migrazione
montbretia in fiore sul margine
I campi di fieno un tempo risuonanti
al richiamo costante dei re di quaglie
Là dove il fieno era tagliato e, una volta
asciutto, mutato in alte pile di paglia
Ho ripercorso la vecchia strada per la scuola
Ho pensato al ruggito del torrente a valle
Acqua che sgorga dalla gola
schiuma che sale, le bolle marrone torba
La svolta dove vidi un ermellino
svignarsela, punta della coda nera
La collina dove il gheppio si librava
poi d’un tratto all’attacco si lanciava
Una regione remota e brulla
dove le stelle accendevano le notti buie
Dove nell'infanzia fissavo con meraviglia
i turbini delle Luci del Nord
Il tempo passa ma i ricordi restano
perché li consegniamo alle nuove generazioni
Apprezziamo quei momenti magici
che tutti noi viviamo solo di passaggio
 
 
 
12.
 
By the lakeside
Velvet reed mace by the lakeside
Swans glide on the mirror serene
Buttercups gold among grasses
In heat haze a calming scene

I sit on a mossy stone relaxing
The lake a reflection of sky
Fluttering along just beside me
A beautiful orange tip butterfly

As I retrace my footsteps
The butterfly flutters so free
Spirit of a long lost loved one
Descended to accompany me
 
 
In riva al lago




Tife vellutate in riva al lago
Cigni scivolano sullo specchio sereno
Ranuncoli d'oro tra l’erba
Nella foschia da afa una scena rasserenante

Mi siedo su una pietra muscosa a rilassarmi
Il lago è un riflesso del cielo
Proprio accanto a me una splendida Aurora,
ali screziate d’arancio, sfarfalla

Mentre ripercorro i miei passi
La farfalla fluttua così libera
Spirito di un amato ormai perduto
sceso per accompagnarmi
 
 
13.
I Saw A Beautiful Sun
'I saw a beautiful sun, nannie
It was orange, shining bright
I saw it on the way home, nannie
Hope I see it again tonight'

'What was that sun I saw, nannie'?
'Oh, that was the sun going down'
'Going down where, nanny
To the other side of town'?
 
 
 
Ho visto un bel sole
"Ho visto un bel sole, nonnina
Era arancione, splendeva brillante
L'ho visto sulla strada di casa, nonnina
Spero di rivederlo stasera '

"Cos'è quel sole che ho visto, nonnina"?
'Oh, quello era il sole che cala'
"Che cala dove, nonnina
nell’altro lato della citta '?
 
 
 
 
14.
 
I Wish For Them
I wish for them a curious mind
answers to questions they pose
I wish for them a love of nature
interest in all that grows
I wish for them a spirit of freedom
the courage to stand alone
I wish for them a sense of independence
to carve out a path of their own
 
 
 
Auguro loro
Auguro loro una mente curiosa
risposte alle domande che pongono
Auguro loro amore per la natura
interesse per tutto ciò che cresce
Auguro loro spirito di libertà
il coraggio di stare da soli
Auguro loro senso di indipendenza
ritagliarsi un sentiero tutto loro
 



I testi sono stati in parte inviati dall’autrice, in parte desunti dal sito https://www.poemhunter.com/margaret-o-driscoll/poems/
 © Margaret O Driscoll

Margaret O’Driscoll è madre di sette figli e nonna di dodici nipoti. Vive in Irlanda. Ha pubblicato la sua prima raccolta di poesie nel 2016, The Best Things in Life are Free. Molti dei suoi testi sono stati tradotti in varie lingue tra cui albanese, hindi, malayalam, punjabi, persiano e olandese.

Angela D’Ambra ha conseguito la laurea in Lingue e letterature straniere presso l’Ateneo di Firenze (2008), il diploma di Master in traduzione di testi post-coloniali in lingua inglese presso l’ateneo di Pisa (2009). Si è laureata in Lettere moderne presso la Scuola di studi Umanistici e della Formazione dell’ateneo fiorentino nel 2015. Dal 2010 traduce non-profit testi poetici in lingua inglese. Le traduzioni sono state pubblicate su varie riviste italiane.

Un pensiero su “Poesie di Margaret O’ Driscoll

  1. E’ con piacere che leggo queste poesie di Margaret O’ Discroll. Quando ha pubblicato la sua prima raccolta nel 2016, me la fece conoscere la scrittrice Catherine Dunne di Dublino. Ricordo che fui colpito dal titolo del libro: “Le migliori cose nella vita sono libere”, un vero mantra.
    Il libro comprendeva circa 80 poesie che riflettevano sui fatti della vita più significativi e memorabili per la poetessa, ma in particolare il godere delle cose semplici che offre la vita. Sulla copertina c’era un suo dipinto dal nome Butterfly su un Buddleie. La natura è il suo tema centrale, ma una poesia è stata pubblicata in un libro internazionale di poesie per bimbi: Let’s Play together.
    E’ un’assistente sociale, ama molto camminare, leggere e praticare il giardinaggio. Complimenti anche alla buona traduzione di Angela D’Ambra.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *