Archivi categoria: Zibaldone – Poesia/moltinpoesia

Poesia e critica della poesia

Poesie (riflessioni) che ho scritto in questi tristissimi giorni

Minor White, Road with Poplar Trees, in the vicinity of Naples and Danseville, New York, 1955

di Annamaria Locatelli

 CASO MAI…
 
 
 Le certezze lunghe più vite,
 ben protette dalla scorza
 di un tempo “organizzato”,
 ora sono fiori recisi
 nel deserto della paura…
 Eppure la Storia dice…
 Eppure per altre prove
 approntammo valide difese
 ma il crollo è stato
 repentino e crudele
 per il corpo a corpo
 con un nemico
 dalle armi invisibili,
 vigliacco!
 Noi lasciati soli e indifesi
 insieme con i nostri ridicoli arsenali…
 Così il tempo delle certezze
 si scolora in lutti e ombre.  
 Da giorni, da settimane ormai,
 si invoca la chiara sorgente
 di vera intelligenza umana
 perché si faccia fiume,
 fertile di limo,
 ad inondare i nostri corpi aridi
 restituendo loro il soffio della vita,
 il respiro….
 Virus, non  sei tu un dio!
 
Continua la lettura di Poesie (riflessioni) che ho scritto in questi tristissimi giorni

Dieci haiku al tempo del coronavirus

di Giuseppe Natale

 Città nascosta
 nel silenzio tombale:
 tempo sospeso…
  
 Vuoto sbadiglio
 piazze e strade deserte:
 tempo smarrito…
  
 Pure spento eco
 di fanciulli vocianti:
 tempo recluso…
  
 Città scomparsa
 giovani  invisibili:
 tempo ingabbiato…
  
 Alberi tristi
 inquietano l’animo:
 tempo svanito…
  
 Lacera il cielo
 sirena in lontananza:
 tempo sfuggito…
  
 Saltella il merlo
 e disperato  trilla:
 tempo ritorna!...
  
 Come giardino
 di  fragranze fiorito
 di biancospino:
  
 Nascerà l’alba
 di  nuovo arcobaleno
 affratellante?...
  
 Tempo di vita
 universale danza
 libera uguale?...
   
 Milano, fine marzo -  inizio aprile 2020 

Aprile 2020

di Rita Simonitto

Fragrante il rosmarino insegue l’aria
ancora timida come il celeste colore
dei suoi fiori tuttora infreddoliti.
 
Giù dalle colline il traffico è lento
torbidi pensieri senza passato incenerito
nella veloce catena delle bare
e il futuro annichilito perché anche le domande
diventano stracci persi nel vento del dolore.
Primavera, addio, addio.
 
Campane che suonano agonie, bambini
che non ridono più e in su guardano
pensosi a chi forse li ha traditi.
 
Pervicacemente soltanto la natura non ferma
il suo rinascimento, non sfoglia abbecedari
non consulta vaticini. Con inconsapevole
grazia spennella declivi che stridono di uccelli,
giardini ormai incolti perché la mano d’uomo
si è declinata nel nulla.
  

Altre cinque poesie inedite

di Valentina Casadei

Dopo quelle pubblicate qui altre poesie di Valentina Casadei, le cui attività si possono seguire al link del suo nome. [E. A.]

 Voglio andare ad Ovest e vedere le balene
 Nei rifugi delle trote  
 Poi ad Est, nella foresta
 Con il gelo dei baccelli  
 Nell’antico silenzio dei boschetti rigogliosi
 Le stagioni si susseguono
 Sfioriscono i miei guai
 E la primavera infinita del mio seme  
 Diventa parola di figlio
 Pensiero di madre sconfitta
 Nella terra battuta dalla mano
 Nel caldo di quell’aridità gialla 
 Che macchia la terra di seti pluviali
 Nell’ancestrale bisogno di ventre e carezza
 
Continua la lettura di Altre cinque poesie inedite

Da”Pleasantville”

di Antonio Pizzol

Di questo giovane poeta, già affacciatosi su Poliscritture con suoi versi (qui), pubblico volentieri alcune poesie in dialetto veneto da una sua recente raccolta. Vi si coglie un realismo mantenuto su un pedale emotivo basso (ironico e autoironico), un’attenzione alle minuzie del quotidiano, un lavorio su sentimenti veri (e a volte anche umorali). [E. A.]

 1.
 Xe proprio in quel momento lì che sto ben,
 
 
 coe man che ‘e vedo già nere
 sensa neanca aver ‘l cofano verto
 che so che xe a bateria
 o qualche cavo distaca’,
 che basta un toco, na streta,
 e tuto se giusta e va…
 prima de aver le mani nere
 e i dei scusai, prima
 de sudar incastrà drio del filtro
 coe ciavi che ‘e casca e se sbrega ‘l manual,
 tanto prima de no saver niente
 e de sentir da n’altro le parole
 alternator e bobina.
 
 
 È proprio in quel momento lì che sto bene// con le mani che già
 le vedo nere/ senza avere ancora aperto il cofano/ che so che può
 essere la batteria/ o qualche cavo scollegato/ che è sufficiente un
 contatto, una stretta,/ e tutto si aggiusta e funziona…/ prima di
 avere le mani sporche di grasso/ e le dita rovinate, prima/ di sudare
 incastrato dietro al filtro/ con le chiavi che cascano e si strappa il
 manuale,/ molto prima di non sapere niente/ e sentire da un altro le
 parole/ alternatore e bobina. 
Continua la lettura di Da”Pleasantville”